Birrificio + Pub =

BREWPUB

Il nostro impianto di produzione fa bella mostra di sé all’interno del pub, silenziosa sentinella del tempio.

Si tratta di un impianto Eco Brew Tech semiautomatico in acciaio inox rivestito di rame, con capacità di produzione di 250 litri per cotta. Si compone di due tini: una caldaia riscaldata a vapore, all’interno della quale si svolgono le fasi di mash e sparge, affiancata da un serbatoio per la successiva bollitura.

La sala di fermentazione si compone di 3 fermentatori troncoconici da 500 litri. Questa particolare forma consente di prelevare i lieviti esausti depositatisi sul fondo, ottenendo così una birra più limpida, stabile e duratura.

Produzione

BIRRARIA

Dopo la naturale fermentazione la birra viene infustata in fusti polykeg in maniera isobarica, ovvero senza entrare in contatto con l’aria, pericoloso nemico della birra. Un altro paio di settimane sono necessarie per la giusta maturazione. A questo punto attacchiamo i fusti al nostro bancone e la birra è pronta da bere. Il tutto nello spazio di pochi metri. Altro che km zero!

Le birre

ARTIGIANALI

La produzione le nostre birre avviene nel rispetto dell’Editto di Purezza tedesco del 1516 (Reinheitsgebot), ovvero utilizzando esclusivamente acqua, malti e cereali, luppoli e lieviti.

Tutte le nostre birre sono ad alta fermentazione, senza additivi, coloranti o conservanti. Attualmente produciamo 5 birre: 3 stabili (Pandora, Tideo, Anfiarao) e 2 stagionali (Aphros in estate e Kairos in inverno).

Scegli una

BIRRA

  • Pandora

    Golden Ale, 4.9% abv

    Birra bionda a basso grado alcolico, prodotta in Inghilterra in passato per contrastare la concorrenza delle Lager tedesche. Birra dissetante moderatamente luppolata. In origine pensata come una rinfrescante birra estiva, ora è prodotta tutto l’anno. E' la nostra bionda da tutto pasto, prodotta con due tipologie di malti chiari e un solo luppolo. La birra perfetta per iniziare la serata.

    Aspetto: colore paglierino carico, limpida; schiuma bianca a grana fine e compatta.

    Gusto: le note di malto, grano, pane sono nette, supportate dalla luppolatura moderata che facilita la bevuta. Finale secco e retrogusto erbaceo, persistente. Corpo leggero e bassa carbonazione la rendono una birra da tutto pasto, facile da bere e oltremodo dissetante.

    Abbinamenti consigliati: fritti, hamburger, pizze rosse, pollo

  • Aphros

    Tripel, 5.2% abv

    Birra ad alta fermentazione ispirata alle trappiste del Belgio. In origine questo stile fu reso popolare dal monastero trappista di Westmalle, per poi entrare a far parte della tradizione belga. In origine erano le uniche bevande somministrate ai monaci nei periodi di digiuno, tanto da venire chiamate “pane liquido”. Anche durante i periodi di pestilenza era l’unica bevanda consigliata per dissetarsi, in quanto prodotto sterile e privo di pericolosi batteri. In questa birra utilizziamo 4 diversi tipi di malti e un lievito di origine belga che dona secchezza e sentori di frutta. E' dedicata ad Aphros, figura mitologica greca, personificazione della schiuma del mare.

    Aspetto: colore dorato carico, leggermente velato; schiuma bianca, abbondante, persistente e pannosa.

    Gusto: Gli  aromi parlano di frutta (frutta a pasta gialla, matura e appassita), di spezie e, più in sordina, di profumi del luppolo. Non mancano note etiliche, sentori da ricondurre al malto, allo zucchero caramellato, al miele. E’ una birra a tendenza dolce in cui il corpo e l’alcol sostenuti sono alleggeriti dalla carbonazione elevata e dal lungo ed elegante finale, moderatamente amaro. Nelle versioni più riuscite l’alcol si nasconde a tal punto da non averne quasi percezione, tanto da farle considerare birre "pericolosamente beverine".

    Abbinamenti consigliati: salumi, zuppe, carni alla griglia, formaggi erborinati e stagionali, dolci alla frutta

  • Kairos

    Saison, 6.5% abv

    Birra chiara in stile Saison ad alta fermentazione. Ha origine con la tradizione delle “birre di Marzo”, prodotte in Vallonia (la parte del Belgio di lingua francese) alla fine della stagione fredda per poter sopportare i caldi mesi estivi. Kairos è una parola che nell'antica Grecia significava "momento giusto”. E’ il nostro modo per sottolineare l’importanza del tempo, provvidenziale per questa birra di impostazione belga aromatizzata al bergamotto fresco, raccolto nel mese di Gennaio. Il tempo giusto è anche quello dell’aggiunta delle bucce di bergamotto, che avviene in fase di bollitura. I malti base vengono  miscelati assieme al grano autoctono varietà “Jurmano”, coltivato a Reggio Calabria. Una birra secca e beverina, particolarmente rinfrescante grazie al tocco acidulo del frumento.

    Aspetto: dorato carico con riflessi arancio; schiuma bianca compatta e pannosa. 

    Gusto: gusto ricco e fruttato con un tocco acidulo sul finale. Crosta di pane, fieno e miele all’inizio lasciano spazio alla leggera speziatura e alla freschezza data dal bergamotto che facilita la bevuta. Corpo pieno con carbonazione elevata. E' setosa all’attacco cedendo poi spazio al finale secco, che disseta e maschera la gradazione alcolica. 

    Abbinamenti consigliati: fritti, carni speziate

  • Tideo

    India Pale Ale (IPA), 7.2% abv

    India Pale Ale,  stile Inglese. Ci sono vari resoconti sulla sua origine. La leggenda narra che in origine era una Pale Ale preparata per essere spedita in India a fine ‘700 - primi '800. Una birra che doveva affrontare un lungo viaggio, pertanto necessitava una massiccia dose di antiossidanti e conservanti. Antiossidanti che si trovano nel luppolo, quindi birre molto amare. Birra brassata in onore di Tideo, lo (S)Bronzo “giovane”, il “guerriero” esposto presso il museo della Magna Grecia a Reggio Calabria. Questa birra per noi simboleggia l’energia, l’entusiasmo e l’esuberanza tipiche della gioventù.

    Aspetto: colore ambrato, schiuma bianca, compatta e persistente.

    Gusto: prevalentemente agrumato, resinoso, erbaceo. Subito dopo salgono le note maltate tipiche dei malti di origine inglese, mentre lieve biscotto e miele concludono la bevuta. Corpo morbido e leggero, astringenza derivata dal luppolo. La carbonazione non è eccessiva. Si percepisce una leggera e morbida sensazione di calore da alcol.

    Abbinamenti consigliati: carni speziate, formaggi stagionati, pizze farcite

  • Anfiarao

    Stile Scotch Ale, 8% abv

    Sebbene la Scozia ospiti una popolazione che è solo un decimo di quella inglese, ha coltivato una cultura brassicola unica per gran parte della storia. Nel corso del diciottesimo e diciannovesimo secolo gli scozzesi erano attivi tanto quanto i vicini inglesi nell’esportazione della propria birra a livello mondiale. L’orzo che viene prodotto a nord spesso diventa scotch whisky, mentre quello prodotto al sud è quello più adatto alla produzione di Birra. In questa birra utilizziamo una parte di zucchero candido che dona un carattere forte mascherando il potere alcolico. Birra da meditazione prodotta in onore di Anfiarao - il più anziano dei due (S)Bronzi - e come tale rappresenta la maturità, la saggezza e il pensiero filosofico.

    Aspetto: bruno con riflessi rossi. Schiuma abbondante, cremosa e persistente di colore crema. 

    Gusto: ricco e maltato, leggermente tostato. Sensazione di alcolico per una birra vellutata e calda. L’amaro del luppolo è basso consentendo al malto di dominare il gusto. Corpo pieno, vellutato con carbonazione moderata.

    Abbinamenti consigliati: formaggi erborinati/con muffe, pizze con frutta secca, dolci in genere, da sola con sé stessa

Deus ex machina

IL BIRRAIO

Demetrio Crea è il sacerdote del sacro tempio, l’unico ad avere accesso al naos (cella con birrificio).

Questo giovane e rampante birraio si appassiona alla birra artigianale nel lontano 2008 un po’ come tanti altri: bevendo. Via via decide di cimentarsi nella produzione casalinga per colmare le lacune del passato. Il suo battesimo di fuoco avviene nel 2012, con la vittoria ad un concorso per homebrewers calabresi vincendo il primo premio. Passano gli anni e col crescere dell'esperienza si cimenta anche come membro della giuria nei concorsi birrai. All’esperienza si affianca lo studio erudito della materia brassicola, alimentata da viaggi nei luoghi della tradizione birraria europea.

A partire da Marzo 2016 Demetrio è birraio presso Gli Sbronzi. Un rapporto passionale e vissuto con trasporto, partito come semplice collaborazione e diventato molto di più. Oggi Demetrio non è solo il birraio che lavora dietro le quinte ma è una figura chiave dell'intero brewpub. Passa metà giornata in produzione e l’altra metà dietro le spine. Nel tempo libero beve e quando non può farne a meno dorme.